Allergie in età adulta

Allergie in età adulta

Quando il nostro sistema immunitario risponde in maniera eccessiva a delle sostanze presenti nell’ambiente, ritenute tossiche dal nostro organismo, gli allergeni, si sviluppano le allergie. Per difendersi le cellule rilasciano istamina, una sostanza che fa scaturire fenomeni come la lacrimazione, l’arrossamento degli occhi, il prurito al naso, l’asma, la costrizione della gola, la tosse, etc.

In alcune persone le allergie si presentano stagionalmente, perché l’organismo innesca la reazione infiammatoria solo in presenza di determinati agenti patogeni, come i pollini, che ad esempio sono presenti solo in primavera ed estate. Da fine febbraio compaiono pollini di betulla, nocciolo e ontano, da marzo a settembre troviamo le graminacee e da agosto a ottobre l’ambrosia.

Le allergie possono comparire anche in età adulta e quindi non dare manifestazione di sé nei primi anni di vita. Stando alle stime, nella maggior parte dei casi i sintomi dell’allergia respiratoria insorgono durante l’infanzia e nella giovinezza ma comunque possono spuntare anche più in là nel tempo. La causa è da trovare nella genetica, che ci rende più fragile nello sviluppare delle allergie per delle predisposizioni scritte nel DNA.