L’importanza dell’acqua

L’importanza dell’acqua

Sono tanti i fattori che possono determinare la quantità d’acqua da consumare nel periodo estivo, come ad esempio il peso corporeo o alcune patologie. Pertanto, per conoscere la propria necessità di idratazione bisognerebbe sempre chiedere consiglio al proprio medico.

In linea generale, l’acqua serve per portare benessere al nostro organismo, favorendo tutti i processi metabolici e cellulari. Il 75% del corpo umano è composto d’acqua. Una buona idratazione, ad esempio, permette l’espulsione di tossine attraverso sudorazione e urina. L’acqua è essenziale per: l’umidificazione delle mucose, lubrificare le articolazioni, assicurare compattezza ed elasticità alla pelle, sciogliere e disgregare alcune sostanze come l’eccesso di cortisolo, garantire le funzioni renali e intestinali.

L’acqua in estate è il partner più importante per evitare la calura e l’eccessiva perdita di sali minerali essenziali, come potassio e magnesio. L’acqua protegge da insolazioni e spossatezza.

Normalmente, agli adulti è consigliato bere tra gli 1.5 e i 2 litri d’acqua giornalieri, corrispondenti a circa 6-10 bicchieri nell’arco delle 24 ore. In estate il fabbisogno è più elevato, con una media di 2-2.5 litri d’acqua al giorno, che può aumentare ulteriormente se si praticano lavori all’aria aperta, sport o si trascorre gran parte del tempo in luoghi assolati e caldi.

L’apporto deve essere costante, pertanto, si devono consumare anche gran quantità di frutta e verdura, ricche di acqua e sali minerali.
Durante i pasti è sconsigliato bere acqua fredda, poiché non favorisce le funzioni digestive.

Chiedi consiglio al tuo farmacista