Macchie della pelle: che fare?

Macchie della pelle: che fare?

Tornati dalle vacanze, man mano che l’abbronzatura scompare possono comparire delle macchie sulla pelle. La formazione di melanina, melanogenesi, in questi casi potrebbe essersi alterata, non distribuendosi in maniera uniforme crea iper pigmentazioni, cioè delle macchie. Quelle più diffuse sono il melasma e le lentiggini solari e senili. Una donna su tre ne soffre, superati i quarant’anni. La causa principale di questi inestetismi è l’esposizione prolungata al sole. I raggi UVA sono, infatti, i maggiori responsabili dei danni alla pelle. Bisognerebbe, pertanto, proteggersi tutto l’anno, e non solo d’estate, tramite l’ausilio di creme solari ad alta protezione, ma anche con degli integratori contenenti sostanze antiossidanti, (polypodium leucotomos, niacinamide, vitamine C, D ed E), in grado di collaborare al funzionamento del collagene e di contrastare l’attività dei radicali liberi.
Per curare il melasma ci sono in commercio numerosissimi trattamenti, tra cui le creme o i gel a base di idrochinone, retinoidi o altre sostanze schiarenti. Giocano un imporante ruolo anche i cosmetici depigmentanti, poiché si attivano direttamente sugli accumuli di melanina. Il B-resorcinolo, l’acido glicirretico e il rucinolo sono le sostanze più efficaci all’interno delle creme schiarenti. Per rafforzarne l’efficacia, si possono applicare alcuni ristrutturanti, come i gel a base di fosfolipidi.
Poiché le macchie della pelle possono essere un campanello d’allarme per delle malattie sistemiche, è sempre importante contattare uno specialista o il vostro farmacista di fiducia, che saprà come indirizzarvi al meglio.