Pressione alta? Eliminare il sale

Pressione alta? Eliminare il sale

L’ipertensione, detta banalmente “pressione alta”, può derivare da diversi fenomeni: familiarità, età, fumo stress, vita sedentaria e alimentazione.
L’ipertensione deve essere tenuta sotto controllo con uno stile di vita sano e dall’uso, nei casi più acuti, di farmaci. I valori pressori devono rientrare nella normalità (140/85 mmHg). La pressione non deve essere abbassata, ma normalizzata, altrimenti ci si imbatte nel rischio di malattie cardio-vascolari.
Per ciò che concerne l’alimentazione è necessario ridurre o addirittura eliminare il sale, ponendo tanta attenzione agli alimenti che ne contengono molto.
Alcuni studiosi hanno elaborato la dieta DASH, Dietary Approaches to Stop Hypertension, cioè un regime alimentare in grado di fermare l’ipertensione.
Questo regime alimentare è molto simile alla dieta mediterranea, ma con un apporto giornaliero di sodio fissato a 2,3/2 grammi al giorno.
In questa dieta il 27% dell’energia proviene dai grassi, il 55 dai carboidrati e il restante 18 dalle proteine, in accordo con i “numeri” della dieta mediterranea. Sono concessi senza problemi frutta e ortaggi e latticini a ridotto tenore di grasso, mentre è 30 grammi al giorno l’apporto di fibre. I grassi sono limitati consumando formaggi magri e carni bianche, frutta e verdura, pane e pasta ma con poco sale.
Si è visto che se si riduce il sodio entro i due grammi al giorno, c’è un calo del rischio di infarto del 10% per i giovani sotto i 34 anni; di più del 10% tra i 45 e i 54 anni. Il rischio di ictus viene ridotto del 7%.